4.800 minuti per imparare a recitare e non solo

Sono 80 le ore dedicate ai progetti di alternanza scuola-lavoro nei licei classico e scientifico dell’Istituto N. Machiavelli. O sarebbe meglio dire “4.800 minuti”, che è poi il nome di quello proposto e organizzato in collaborazione con l’associazione teatrale “Conteatrovivo”.

Da un mese circa, infatti, 14 ragazzi del terzo anno liceo classico sono coinvolti in un progetto che li porterà a mettere in scena uno spettacolo teatrale, durante il quale non solo impareranno i segreti della recitazione ma tutto quello che riguarda il mondo della comunicazione e degli eventi culturali: dalla fondazione di un associazione al lavoro dei tecnici, dalla scenografia alle questioni burocratiche.

“Lo scopo è quello di impegnare i ragazzi a 360 gradi, così che realizzino lo spettacolo dalla a alla zeta” spiega Danila Marongiu, presidente di “Conteatrovivo”. Ecco perché, ad esempio,  gli studenti si sono recati presso la sede dell’associazionePane e Mate” di Milano per apprendere l’arte della manipolazione di alcuni materiali, utilissima per allestire una scenografia. Allo stesso modo, è stato molto interessante ascoltare gli insegnanti del Teatro alla Scala: lo scorso gennaio, infatti, hanno fatto visita alla classe per spiegare ai ragazzi in cosa consiste il loro mestiere.

Incontri, uscite e laboratori terranno impegnati i liceali fino al 17 giugno, quando finalmente metteranno in scena lo spettacolo. Una performance che gli studenti avranno ideato e creato in piena autonomia, decidendo ogni singolo dettaglio senza intromissioni, solo consigli, da parte dello staff di insegnanti e attori.

“Siamo fieri di aver avviato questi progetti di alternanza, perché solo in questo modo gli studenti possono rendersi conto di quello che li aspetta fuori dalla scuola” le parole di Morena Cicolin, insegnante del Machiavelli che collabora con l’associazione teatrale e per questo ha seguito il progetto da vicino. “Sono convinta che la scuola debba garantire questo tipo di servizio e tutti noi docenti spendiamo energie e tempo perchè riesca al meglio”. Senza contare la volontà di coinvolgere il Comune.  Probabilmente, infatti, teatro dello spettacolo sarà proprio la Sala Consiliare. In quell’occasione, i ragazzi presenteranno alla comunità pioltellese il progetto “4800 minuti” attraverso la proiezione di un video autoprodotto.

A cura di Francesca Lavezzari

(Visited 56 times, 1 visits today)

Be the first to comment on "4.800 minuti per imparare a recitare e non solo"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com