Tra i giocatori d’azzardo più incalliti, ci sono anche i pioltellesi

Che il gioco d’azzardo sia una piaga della società occidentale, è cosa nota. Ma forse non tutti sanno che il fenomeno è in aumento e, soprattutto, raggiunge livelli spaventosi anche a “casa nostra”.

In Italia, rispetto ai dati del 2015, la quantità di soldi spesi nel gioco è aumentata dell’8%, vale a dire che gli italiani hanno tirato fuori circa 96 miliardi di euro per comprare gratta e vinci, scommettere sullo sport o altro. Non ci si deve quindi stupire, se a livello locale, la situazione è altrettanto drammatica e bisogna correre ai ripari. Anche perché la ludopatia (dipendenza dal gioco d’azzardo) è sempre più diffusa tra i giovani.

Se infatti a livello nazionale ogni persona spende mediamente circa 1.600 euro all’anno per giocare e scommettere, a Pioltello la spesa si aggira intorno ai 1.400 euro.

Soldi che i pioltellesi buttano via soprattutto in “newslot” e che, moltiplicati per il numero di abitanti della città, arrivano a sfiorare i 50milioni di euro. Una cifra davvero impressionante. Considerando che il Comune eroga per il cittadino 25mila euro all’anno, si comprende la gravità della situazione: in pratica, i pioltellesi si giocano il doppio dei soldi che ricevono in termini di servizi.

A giocare (è proprio il caso di dirlo) un ruolo fondamentale nella diffusione di quella che in molti casi è una vera e propria patologia, la crisi economica unita alla mancanza di polso da parte dello Stato nell’affrontare il problema.

Alcuni paesi della Martesana hanno  recentemente adottato provvedimenti che dovrebbero arginare e prevenire il fenomeno; ad esempio, la mappatura del territorio con l’individuazione di tutti i luoghi sensibili (scuole, oratori, ospedali e via dicendo) e il divieto di aprire locali per scommesse nei paraggi.

Non è una coincidenza se proprio quest’anno, all’interno della rassegna pioltellese “Teatro Civile”, ha fatto capolino “Gran Casinò. Storie di chi gioca sulla pelle degli altri”. Uno spettacolo sul gioco d’azzardo, interpretato da Fabrizio De Giovanni, per tenere i riflettori accesi sul fenomeno.

A cura di Francesca Lavezzari

(Visited 46 times, 1 visits today)

Be the first to comment on "Tra i giocatori d’azzardo più incalliti, ci sono anche i pioltellesi"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com