Ligabue confessa il suo dramma: “Solo grazie ai fan ho superato la morte di mio figlio”

Si intitola Scusate il disordine il nuovo libro di Luciano Ligabue pubblicato da Einaudi e presentato dal celebre cantautore ospite nel salotto di Fabio Fazio a Che tempo che fa.

In particolare il rocker di Correggio ha raccontato la morte del figlio, tema che affronta anche nella parte finale di Scusate il disordine: «Trovarsi dopo la nascita di un figlio che muore e il giorno dopo c’è il primo concerto voce e chitarra, è la condizione più nuda. Però al di là del fatto che è il racconto del concetto di “the show must go on”, io l’esperienza l’ho vissuta veramente e so che significa e so anche il beneficio che ne ho ricavato. Ero a pezzi, non ero in grado e mi sono poggiato su di loro: è crudele che quando uno deve vivere un momento suo sia costretto ad allietare altri animi, ma è anche vero che riesci a beneficiare del contatto».

Riguardo invece uno dei suoi pezzi più celebri ha svelato: «Urlando contro il cielo finì in una posizione sfigatissima, ma da quando abbiamo cominciato a suonarla dal vivo divenne un simbolo. Non era un singolo, ma vista la reazione ne facemmo un video live e dalla prima volta che l’abbiamo fatta è diventato il coro prima che cominci qualsiasi concerto».

(Visited 53 times, 1 visits today)

Be the first to comment on "Ligabue confessa il suo dramma: “Solo grazie ai fan ho superato la morte di mio figlio”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Social Media Auto Publish Powered By : XYZScripts.com